Archivi tag: strategia di offerta

Se il tuo cliente gestisce una concessionaria di auto e vuole aumentare la brand awareness tra gli appassionati di auto, quale tipo di offerta gli suggeriresti?

Se il tuo cliente gestisce una concessionaria di auto e vuole aumentare la brand awareness tra gli appassionati di auto, quale tipo di offerta gli suggeriresti?

  • Costo per visualizzazione (CPV)
  • Costo per acquisizione (CPA) target
  • Costo per giorno (CPD)
  • Costo per mille impressioni visibili (vCPM). Questa è la risposta esatta! Generalmente la strategia di offerta a CPM (costo per migliaia di impressioni) è la più adeguata per una campagna di brand awareness, dove l’obiettivo è quello di mostrare il più possibile il proprio brand su siti pertinenti. Nel caso specifico si potrebbe suggerire al cliente di impostare come target un pubblico di affinità su “appassionati di auto” e come strategia di offerta la vCPM (costo per mille impressioni visibili) in modo che possa pagare solo per gli annunci effettivamente visualizzati dai potenziali clienti.
    https://support.google.com/google-ads/answer/3499086?hl=it
    https://support.google.com/google-ads/answer/1722100?hl=it

Le offerte basate sul costo per acquisizione (CPA) target possono aiutarti a generare conversioni utilizzando la cronologia delle tue conversioni e:

Le offerte basate sul costo per acquisizione (CPA) target possono aiutarti a generare conversioni utilizzando la cronologia delle tue conversioni e:

  • gli obiettivi costo per clic (CPC) per aumentare l’offerta quando una conversione è più probabile. No, questo è il caso del CPC ottimizzato. Il CPCO cerca le aste dell’annuncio che hanno maggiori probabilità di generare vendite e poi aumenta l’offerta CPC max per rendere il tuo annuncio più competitivo con tali clic.
  • gli obiettivi di costo per acquisizione (CPA) per aumentare l’offerta quando una conversione è più probabile. Questa è la risposta esatta!Le offerte basate su CPA target utilizzano i dati storici della campagna ed esaminano gli indicatori contestuali al momento dell’asta per individuare automaticamente un’offerta CPC ottimale per il tuo annuncio ogni volta che quest’ultimo è idoneo alla pubblicazione. Google Ads imposta queste offerte in modo da raggiungere un CPA medio equivalente al tuo target per tutte le campagne che utilizzano questa strategia.
  • gli obiettivi costo per clic (CPC) per mostrare l’annuncio ottimale quando una conversione è più probabile. No, risposta errata.
  • gli obiettivi di costo per acquisizione (CPA) per mostrare l’annuncio ottimale quando una conversione è più probabile. No, risposta errata.

Nell’impostare una campagna nella rete di ricerca per un cliente, desideri che l’annuncio ottenga un numero massimo di clic senza superare il budget. Quale strategia di offerta dovresti utilizzare per raggiungere questo obiettivo?

Nell’impostare una campagna nella rete di ricerca per un cliente, desideri che l’annuncio ottenga un numero massimo di clic senza superare il budget. Quale strategia di offerta dovresti utilizzare per raggiungere questo obiettivo?

  • Costo per clic (CPC) manuale. No, questa strategia consente di gestire le offerte CPC massimo autonomamente. E’ utile per destinare una quota maggiore del tuo budget pubblicitario alle parole chiave o ai posizionamenti più redditizi.
  • Massimizzazione dei clic. Questa è la risposta esatta! Questa strategia di offerta automatica è il modo più semplice per fare offerte per i clic. E’ sufficiente definire un budget giornaliero e il sistema Google Ads gestirà automaticamente le offerte in modo da ottenere il maggior numero possibile di clic senza superare il tuo budget.
  • Costo per acquisizione (CPA). No, questa strategia imposta il CPC in modo da generare il maggior numero di conversioni possibile al costo per acquisizione (CPA) target impostato per il cliente.
  • Costo per mille impressioni (CPM). No, in questo modo si paga per le visualizzazioni e non per i clic.